https://www.google.it/maps/place/Enrico+de+Giorgi+Srl/@39.1975363,9.1485356,17z/data=!4m5!3m4!1s0x12e73377374bef3b:0xb14788d35afcc144!8m2!3d39.197382!4d9.150527
Home / FAQ / Antitaccheggio sistemi e soluzioni

Antitaccheggio sistemi e soluzioni

Antitaccheggio sistemi e soluzioni

L’antitaccheggio è un’attività specificamente volta al contrasto del taccheggio, e si fonda operativamente sull’allestimento di accorgimenti e strumenti di controllo di vario genere, compresa la vigilanza umana.

Sotto quest’ultimo aspetto, in Italia la materia è regolata dall’art. 134 del TULPS e più in particolare dal decreto ministeriale n. 269 del 1º dicembre 2010.

Antitaccheggio sistemi e soluzioni

L’antitaccheggio, quindi, può essere svolto, in via esclusiva, da soggetti alle dipendenze di un istituto di vigilanza o di investigazioni private, peraltro, per questi ultimi, dotati di specifica licenza.

La nuova normativa definisce in maniera esaustiva l’attività di antitaccheggio.

Per gli istituti di vigilanza si parla di ‘vigilanza antitaccheggio’ (art. 3, comma 2, punto d), indicando il servizio svolto presso:

  • negozi,
  • supermercati,
  • ipermercati,
  • grandi magazzini e simili.

E’ finalizzato alla prevenzione del reato di danneggiamento, furto, sottrazione ovvero di appropriazione indebita dei beni esposti alla pubblica fede.

Si tratta, in particolare, dell’ipotesi di richiesta dal titolare dell’esercizio commerciale.

Essa è volta all’individuazione ed all’accertamento delle cause che determinano, anche a livello contabile, gli ammanchi e le differenze inventariali nel settore commerciale.

Questo anche mediante la raccolta di informazioni reperite direttamente presso i locali del committente.

Per quel che attiene l’aspetto della difesa elettronica ci sono anche apparati tecnologici fra i quali, ma non solo, antenne capaci di rilevare delle etichette a radio frequenza magnetiche o magneto-acustiche.

Top